Petrolati

Ciao!!

Benvenuto nel mio Blog!

Sei nuovo in questo mondo tutto Eco-Bio Friendly? 

Ci tieni alla tua pelle ed alla tua salute?

Ti stai chiedendo cosa sono i Petrolati?

Buona lettura!


Cosa sono i petrolati?

I petrolati, come dice la parola stessa, sono idrocarburi derivanti dalla raffinazione del petrolio e vengono fortemente impiegati dalle industrie cosmetiche per i loro elevati poteri filmanti, in forza dei quali pelle e capelli assumono un immediato e fasullo aspetto morbido, setoso e levigato.

Ma quindi sono come i Siliconi? Si, hanno lo stesso identico effetto, si posizionano sulla superficie di pelle e peli, tappandoli formando una pellicola protettiva, con i relativi pro e contro. Più contro che pro.

 Risultati immagini per petrolato bianco


Come li riconosco in INCI?

I petrolati più utilizzati hanno questo nome:

  • Petrolatum;
  • Paraffinum liquidum;
  • Mineral oil;
  • Vaselina;
  • Cera microcristallina.
  • Anche il tensioattivo Sles (Sodium Laureth Sulfate) contiene una piccola quota petrolifera.

I petrolati sono purtroppo presenti in moltissime tipologie di prodotti, a partire da quelli per la cura dei bambini e dei neonati.

E’ abbastanza facile riconoscerli, ma non starete mica pensando che ci spalmiamo addosso il petrolio puro? Quel che viene usato nei cosmetici è il cosiddetto petrolato bianco, ovvero il petrolio raffinato, cioè purificato dalle impurità.

Quando è puro, cioè raffinato, il petrolato, che ha una consistenza cerosa ed unticcia, è di colore bianco, quando è meno puro, è di colore giallo.

Risultati immagini per petrolato bianco

Questo è un esempio preso dal sito Benessere360.com (il link vi riporta alla pagina dedicata).

Come potete ben vedere nella foto, la vaselina BIANCA è la più raffinata, mentre quella gialla e quella marrone sono più impure e contengono residui ed impurità che le rendono Inutilizzabili nei cosmetici, ed addirittura Cancerogene. Infatti la vaselina marrone è un lubrificante per AUTO 👀


Perchè sono dannosi?

Bisogna esaminare tutti gli aspetti:

  1. La loro caratteristica filmante su pelle e capelli è uno dei loro più grossi difetti:  impediscono all’acqua di uscire, ed all’ossigeno di entrare, andando a interferire con la normale respirazione cutanea e permettendo a microorganismi e batteri di proliferare al di sotto del loro film protettivo.
  2. Sono sostanze comedogene: chiudendo i pori, favoriscono la formazione di punti neri, brufoli e altre imperfezioni. Proprio come i Siliconi.
  3. A seconda della presenza o assenza di impurità nell’olio di raffinazione e di lavorazione, la sostanza risulta più o meno cancerogena. L’Unione Europea ha stabilito l’obbligo da parte dei fornitori di petrolati di dichiarare di produrre olii base che non contengano più del 3% d’impurità pericolose, ma ciò non impedisce ad alcune aziende di utilizzarli in maniere non corretta nella cosmesi, a scapito del consumatore ignaro.
    La domanda è: chi ci garantisce che in quel cosmetico ci sia effettivamente il 3% non cancerogeno, e non il 3,5% cancerogeno? Bisogna fare attenzione perchè anche se si tratta di piccole percentuali, possono fare la differenza: le aziende più affidabili, dotate di strumentazioni adeguate, controllano il petrolato che commercializzano, altre non vogliono o non possono farlo. 
    Se addirittura pensiamo che un burrocacao può essere ingerito in parte, la questione diventa ancora più delicata e preoccupante.
  4. Dulcis in fundo, i petrolati non sono biodegradabili e risultano inquinanti sia per l’ambiente (se pensiamo a shampoo, balsamo e bagnoschiuma, nonché tossici per gli animali, sottoposti a crudeli test e sperimentazioni.

Quindi come si possono evitare?

La risposta è abbastanza facile: bisogna acquistare facendo attenzione all’INCI, ma se si è inesperti e/o semplicemente non se ne ha la voglia, basta acquistare cosmetici eco-bio certificati, così da essere sicuri di non ritrovarli.

Dal mio canto, preferisco non rischiare, ed avendo una pelle sensibile ed asfittica, non fanno proprio bene al mio caso. Ovviamente sentitevi liberi di fare ciò che credete sia meglio per voi, ma per favore non utilizzate prodotti cosmetici con petrolati, siliconi e parabeni sui bambini!!

Vi lascio qui sotto il link per informarvi su cosa è l’INCI e dove poter acquistare prodotti eco-bio:

Cos’è l’INCI?

Dove acquistare cosmetici eco-bio?

Inoltre, in natura esistono molti olii che hanno le stesse caratteristiche dei petrolati e che non hanno però tutti i loro effetti collaterali. un esempio sono l‘Olio di Jojoba, di Mandorle Dolci e di Cocco.

Vi posso solo lasciar immaginare l’odore fantastico di questi oli.


Spero di aver chiarito tutti i vostri dubbi.

Se avete altre domande non esitate a contattarmi.

Vi aspetto nei commenti, e se vi va di rimanere connessi, iscrivetevi alla Newsletter!!
Sailor Bio

 

 

2 pensieri riguardo “Petrolati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.